Dott. Antonio di Palma

Home » Psicoterapia » La psicoterapia come agisce?
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

La psicoterapia come agisce?

La psicoterapia come agisce?

Lo psicoterapeuta non ha poteri magici, ma spesso avviene che patologie e problematiche di vecchia data quasi per magia si dissolvano.

Perchè la psicoterapia ha il potere di cambiare situazioni o patologie anche gravi?

Allora se lo psicoterapeuta non è un mago il trucco dov'è?

Individui, coppie e famiglie, spesso, si trovano intrappolati in problematiche da cui sembra impossibile uscire. La ragione di questo fallimento non va ricercata nel fatto che non si può fare niente, che è impossibile uscire dal problema, ma piuttosto nelle soluzioni adottate, fino a quel momento, per risolverlo. Spesso rivolgersi a un terzo, in questo caso a un terapeuta, è fondamentale, perché il cambiamento può essere introdotto nel sistema dall'esterno, da un soggetto estraneo.

Per meglio comprendere quanto detto, è importante che vi racconti questa storia molto curiosa: Un prete islamico, un mullah, sta cavalcando sul suo cammello nel deserto quando vede, in lontananza, tre uomini e dei cammelli. Li raggiunge e li saluta, e chiede loro perché stanno discutendo. "Nostro padre é morto". "Ci ha lasciato 17 cammelli e ci ha chiesto di spartirli tra noi senza ucciderne nessuno. La spartizione dovrebbe avvenire in questo modo: a me che sono il fratello maggiore dovrebbe toccare la metà dei cammelli, che in questo caso è 8,5, al secondo un terzo, cioè 5,6 e al mio fratello minore un nono, che è 1,8. Abbiamo provato a dividerli tra noi ma è praticamente impossibile farlo senza ucciderne qualcuno". Il mullah ascolta con molta attenzione il racconto, e poi regala loro il suo cammello.

A questo punto i cammelli sono 18 e comincia a dividere, secondo quanto era stato stabilito dal vecchio padre: al primo dei tre figli spetta la metà dei 18 cammelli, ossia nove; al secondo ne spetta un terzo e quindi sei cammelli, al minore 2 cammelli.

Sommiamo adesso i cammelli che sono andati ai tre figli: 9 al primo figlio, 6 al secondo e 2 al terzo, quindi 9+6+2=17. Sorprendentemente avanzava un cammello. Nessuno ha osato dire nulla, poiché in questo modo tutti hanno avuto qualcosa in più di quanto disponeva il testamento: mezzo cammello in più al primo figlio, un terzo di cammello in più al secondo ed un nono di cammello in più all'ultimo.

A questo punto il prete islamico si riprende il suo cammello e continua il suo viaggio.

Questo è quanto fa uno psicoterapeuta con coloro che intraprendono una psicoterapia.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo a Ciampino e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo