Dott. Antonio di Palma

Home » Ipnosi » Inconscio eriksoniano
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Inconscio eriksoniano

L'ipnosi ericksoniana ipotizza una mente conscia e una mente inconscia. La mente conscia può essere identificata nell'emisfero dominante (il sinistro per i destrimani), ed è deputata a controllare il ragionamento logico, analitico, sequenziale; ma è anche la sede di errori ormai consolidati.

La mente inconscia, cioè l'inconscio, risiede nell'emisfero non dominante (l'emisfero destro per i destrimani), ed ha una particolare capacità responsiva all'ipnosi ed alla suggestione.

La mente inconscia è dunque la sede delle risorse creative, evolutive, libere da vincoli e da limitazioni.

Erickson concepisce la mente inconscia come un magazzino, ovvero come una sorta di deposito di tutte le esperienze apprese dall'uomo nella sua vita e da lui possedute pur senza esserne consapevole;

L'inconscio se ben utilizzato, può divenire il protagonista di determinati processi di cambiamento e guarigione.

Nell'ipnosi Ericksoniana l'intervento limitante della mente conscia viene arginata per far emergere le risorse sopite della mente inconscia in modo che il soggetto possa iniziare il suo percorso di cambiamento.

La psicoterapia fornisce all'inconscio solo il contesto per liberarsi dal proprio malessere. Spesso utilizzando l'ipnosi può succedere che la persona stia meglio anche se non se ne comprende il motivo, ma questo non costituisce un problema visto che l'obiettvo è quello di star meglio. Quindi è importante entrare nel mondo della persona che soffre e cercare di comunicare direttamente alla sua mente inconscia parlando il suo linguaggio.

Gentile visitatore visitatrice, per sapere di più o per richiedere un supporto può chiamare al 3470716419 o, andare su contatti. Ricevo a Roma e Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo