Dott. Antonio di Palma

Home » Ipnosi » Ipnosi come cooperazione
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Ipnosi come cooperazione

Non c'è niente di magico: l'ipnosi

Perché in ipnosi non si controllano le persone?

Chi utilizza l'ipnosi non ha nessun potere sulle persone. Nessun ipnotista può obbligare, tramite ipnosi, a far niente che sia contrario alle credenze radicate, all'etica o alla morale del soggetto, o semplicemente a far qualcosa che il soggetto ipnotizzato non abbia voglia di fare.

L'ipnotista è semplicemente una persona che guida il soggetto in uno stato ipnotico e, solo fintando che il soggetto glielo permette, alimenta la sua immaginazione con suggestioni ben studiate e parole accuratamente pensate: bisogna essere abili a fargli accettare una singola idea presentandola al momento giusto in modo che il soggetto possa darle la sua attenzione.

In altri termini, l'ipnosi è solo questione di portare le persone ad essere ricettive alle idee e a rispondere ad esse; per far questo è fondamentale guadagnarci la sua attenzione e garantirci la collaborazione.

L'ipnosi è sostanzialmente una questione di cooperazione tra l'ipnotista ed il soggetto ipnotizzato. Non è assolutamente una forma di potere che l'ipnotista possiede e grazie alla quale può forzare il soggetto a far quel che vuole. L'unico modo in cui possiamo assicurarci questa cooperazione è permettere alla persona, che abbiamo di fronte, di poter esprimere liberamente la sua personalità.

Gentile visitatore visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni su come funziona l'ipnosi o chiedere un supporto può chiamare al 3470716419, o cliccare su contatti, ricevo a Ciampino e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo