Dott. Antonio di Palma

Home » Articoli di psicologia » La sessualità nell'anziano
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

La sessualità nell'anziano

Sessualità si sessualità no? Tanti fra gli anziani che fra i più giovani continuano ad essere convinti che le persone di una certa età non debbano o non possano avere una vita sessuale.

L'invecchiamento non è un ostacolo per la sessualità, specie per gli anziani in buona salute. Anche nell'età avanzata uomini e donne hanno normali desideri sessuali che devono essere appagati.

Le capacità sessuali e il rendimento sessuale dell'anziano sono direttamente influenzate dalla presenza o meno di malattie, ma una forte influenza è esercitata anche da fattori socioculturali, legati a stereotipi e pregiudizi, che bollano in maniera negativa o negano la sessualità nell'età avanzata.

La terza età, naturalmente, comporta una riduzione evidente dell'intensità della reazione fisiologica e della durata della risposta anatomica alla stimolazione per le singole fasi del ciclo sessuale.

Nell'età pensionistica la scarsa o assente conoscenza dei processi fisiologici possono generare aspettative irragionevoli circa le prestazioni e la soddisfazione sessuale, e ciò può far insorgere alcuni disturbi.

Con le coppie anziane, in terapia, è molto importante lavorare sull'area sessuale e aiutarle a riappropriarsene in tutti gli aspetti positivi.

Gentile visitatrice visitatore, se desidera approfondire questo argomento o chiedere un supporto può chiamare al 3470716419 o andare su contatti, ricevo a Roma e Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo