Dott. Antonio di Palma

Home » Disturbi del sonno » Sonno e depressione
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sonno e depressione

Nella depressione il sonno è spesso modificato nei suoi aspetti di continuità e durata e non ha le sue normali qualità di recupero e di riposo.

L'insonnia depressiva, è caratterizzata da un tempo di sonno ridotto, a causa dei continui risvegli notturni e, soprattutto, dalla precocità del risveglio mattutino, mentre la difficoltà di addormentamento è raro.

L'insonnia precede, in genere, l'inizio del disturbo dell'umore, ne accompagna il decorso e la sua scomparsa, può essere considerata un segnale di guarigione.

La depressione può essere accompagnata anche dall'ipersonnia, che può persistere per l'intera fase depressiva oppure può scomparire con l'aggravarsi del disturbo dell'umore e lasciar posto all'insonnia.

La tendenza dei depressi a rimanere a letto durante il giorno non coincide con veri e propri periodi di sonno. Talora la sonnolenza eccessiva può essere indice di un meccanismo di difesa o di ritiro di fronte a situazioni non direttamente affrontabili.

Gentile visitatrice visitatore, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un consulto contattami, ricevo a Roma e Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo