Dott. Antonio di Palma

Home » Infanzia e adolescenza » Mangiarsi le unghie
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Mangiarsi le unghie

L'onicofagia

Il mangiarsi le unghie, detto anche onicofagia, è un comportamento molto frequente sia tra i bambini che tra gli adolescenti, e molto meno negli gli adulti.

L'onicofagia è solitamente il sintomo di un disagio psicologico o la conseguenza di specifici eventi come la nascita di un fratellino, l'inserimento a scuola, traslochi, ospedalizzazioni, separazione dei genitori, lutti o aspettative dei genitori nei confronti del figlio troppo elevate e così via.

Il mangiarsi le unghie è un modo di gestire l'ansia, una sorta di tranquillante naturale.

L'onicofagia interessa in modo particolare le persone più timide, sottomesse, passive, impotenti; le donne più degli uomini.

L'onicofagia è un comportamento autolesionistico che esprime un'aggressività che invece di essere espressa verso il mondo esterno viene espressa contro di sé, e permette di contenere le reazioni ai contrasti interpersonali, ai disagi personali e alle tensioni sociali.

Gentile visitatrice visitatore, se desidera avere maggiori informazioni sull'onicofagia o chiedere un supporto può contattarmi ricevo a Roma e Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo