Dott. Antonio di Palma

Home » Disturbi alimentari » Disturbo da alimentazione incontrollata » Alimentazione incontrollata
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata si caratterizza per entrambi i seguenti criteri:

A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti elementi:

mangiare in un definito periodo di tempo (ad es. un periodo di due ore), una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso tempo ed in circostanze simili; sensazione di perdere il controllo durante l'episodio (ad es. sensazione di non riuscire a smettere di mangiare o a controllare cosa e quanto si sta mangiando).

B. Gli episodi di abbuffata sono associati con tre (o più) dei seguenti aspetti:

mangiare molto più rapidamente del normalemangiare fino a che non ci si sente spiacevolmente pieni; mangiare una grande quantità di cibo quando non ci si sente affamati; mangiare da soli a causa dell'imbarazzo di quanto si sta mangiando; sentirsi disgustati di se stessi, depressi o in colpa dopo l'abbuffata

C. E' presente grosso disagio riguardo agli episodi di abbuffata

D. Gli episodi di abbuffata si verificano mediamente almeno 1 volta a settimana nel corso di 3 mesi

E. Le abbuffate non sono associate con un regolare uso dei comportamenti compensatori inappropriati (vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, diuretici, clisteri e il digiuno o l'esercizio fisico eccessivo) e non si manifestano esclusivamente nel corso di Anoressia Nervosa o di Bulimia Nervosa.

Gentile visitratrice visitatore, se desidera avere maggiori informazioni su questo tema può chiamare al 3470716419 o, andare su contatti, ricevo sia a Roma che Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo