Dott. Antonio di Palma

Pica

Il Picacismo

La Pica appartiene ai disturbi alimentari dell'infanzia e consiste nella persistente ingestione di una o più sostanze non alimentari. In genere il disturbo esordisce nei bambini piccoli e ha una durata di alcuni mesi e poi scompare. Raramente si estende fino all'adolescenza o all'età adulta.

La Pica viene diagnosticata solo quando il comportamento di ingerire sostanze non nutritive è persistente e inadeguato rispetto all'età del bambino.

Prima dei 2 anni di età, la conoscenza passa attraverso la bocca e i bambini mettono tutto in bocca, così qualche volta può capitare di ingoiare sostanze non alimentari, ma ciò non è indice di Pica.

Gli oggetti che solitamente vengono ingeriti variano con l'età, infatti, i bambini piccoli ingeriscono tipicamente vernice, intonaco, spago, capelli, o tessuto. I bambini più grandi ingoiano sterco di animali, sabbia, insetti, foglie o ciottoli. Gli adolescenti e gli adulti possono mangiare argilla o terra.

La Pica a seconda della sostanza ingerita assume un nome diverso, così abbiamo: la xilofagia (ingestione di legno), la tricofagia (ingestione di capelli o lana), la litofagia (ingestione di pietre), la acufagia (ingestione di oggetti acuti), la coniofagia (ingestione di polvere), la stactofagia (ingestione di cenere da sigaretta) e così via.

Gentile visitatrice visitatore, se desidera avere maggiori informazioni su questo disturbo o vuole chiedere un supporto, non esitare a contattarmi, ricevo a Roma e Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo