Dott. Antonio di Palma

Home » Infanzia e adolescenza » Bambini sicuri e insicuri » Attaccamento insicuro disorganizzato
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Attaccamento insicuro disorganizzato

La mamma o il papà rappresentano per il bambino la base sicura, coloro che danno protezione, calore, affetto, ma immaginiamo cosa può succedere se queste stesse figure sono al tempo stesso coloro che gli suscitano paura e da cui tocca fuggire.

I bambini che hanno dei genitori con comportamenti imprevedibili, in genere violenti o addirittura maltrattanti possono sviluppare un tipo di attaccamento definito insicuro disorganizzato che è probabilmente correlato ad una manifestazione di patologia in età adulta (area borderline).

I bambini con attaccamento disorganizzato mostrano una vasta gamma di comportamenti confusi, come restare "paralizzati" o fare movimenti incompleti, interrotti o indirizzati in modo errato, o ancora fare movimenti stereotipati o indicativi di paura quando si riuniscono ai propri genitori.

Il comportamento di questi bambini sembra essere privo di uno scopo osservabile di una motivazione intenzionale o di una progettazione. Si crea nel bambino un conflitto irrisolvibile tra la tendenza a rivolgersi al genitore come fonte di rassicurazione di fronte a uno stimolo spaventante e il fatto che è lo stesso genitore a suscitare paura; la tendenza ad avvicinarsi e quella di allontanarsi si inibiscono l'un l'altra e il bambino sperimenta emozioni che travolgono la sua capacità di organizzare un comportamento coerente.

Gentile visitatrice visitatore, se desidera avere maggiori informazioni su questo argomento o, chiedere un supporto può chiamare al 3470716419 o. cliccare su contatti, ricevo a Roma e Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo