Dott. Antonio di Palma

Home » Infanzia e adolescenza » I tic
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

I tic

I tic sono dei movimenti ripetuti, improvvisi e involontari che rappresentano una caricatura d'un atto naturale. La loro esecuzione può essere preceduta da un bisogno, mentre la loro repressione causa disagio. La volontà o la distrazione possono temporaneamente sospenderli. Scompaiono in genere durante il sonno.

I tic facciali sono i più frequenti: sbattere le palpebre, aggrottamento delle ciglia, smorfie, protrusione della lingua, movimenti del mento. A livello del collo si notano dei tic di tentennamento, di saluto, di negazione, di rotazione, citiamo anche i tic di sollevamento delle spalle, delle braccia, delle mani, delle dita ed infine i tic respiratori come sbadigliare, storcere o soffiare il naso, tossicchiare o tic fonatori: schiocco della lingua, grugniti, grida più o meno articolate, abbaiate.

I tic possono presentarsi isolatamente o insieme con altri, restare costanti in una stessa persona o intervallarsi. I tic solitamente fanno la loro comparsa gradualmente verso i 6-7 anni. Prima del sopraggiungere del tic, il soggetto prova talvolta un sentimento di tensione ed il tic sopraggiunge come una specie di scarica che lo solleva. I tic possono essere transitori e quindi spariscono spontaneamente e sono senza dubbio i più frequenti, mentre i tic cronici sono stabili.

La cura dei tic necessita necessariamente di una psicoterapia, anche se alcuni bambini pur migliorando, conservano i loro tic e diventeranno adulti ticcosi.

Gentile visitatore visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o, chiedere un aiuto può chiamare al 3470716419 o, cliccare su contatti, ricevo a Roma e Ciampino.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo