Dott. Antonio di Palma

Home » Sessualità » La sessualità maschile » Erezione del pene
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Erezione del pene

Il pene non è un muscolo

Il pene dell'uomo non è un muscolo, anche se c'è da dire che molti animali dispongono di muscoli per alzare il loro pene, così come si alza un dito o un braccio. Inoltre, tutti i mammiferi, ad eccezione dell'uomo, sono dotati, all'interno del loro pene, di un osso o una cartilagine in modo che l'erezione sia sempre assicurata, da questo si può dedurre che i disturbi dell'erezione, che molti uomini conoscono, nel mondo animale non esistono.

Il pene dell'uomo funziona in un altro modo, non c'è nessuna contrazione muscolare che determina l'erezione, ma questa si ha solo grazie alla pressione sanguigna.

L'erezione del pene è il risultato di una complessa risposta psicofisiologica, per il cui buon funzionamento ha bisogno di una perfetta integrazione di meccanismi psicologici, vascolari, endocrini e neurologici.

Il modo più semplice per spiegare come avviene un'erezione è paragonare, per un momento, il pene dell'uomo ad un palloncino, quando questo è privo di aria è flaccido, se viene gonfiato pian piano si allunga e diventa duro.

Il pene dell'uomo funziona più o meno allo stesso modo, solo che invece dell'aria è utilizzato il sangue. È il sangue l'artefice principale dell'erezione, in altri termini, si tratta di un meccanismo idraulico che usa come fluido il sangue.

Il pene è composto da due strutture, che corrono per tutta la sua lunghezza, paragonabili a spugne, chiamate corpi cavernosi, tra le quali al centro, si trova un canale, l'uretra, che porta all'esterno l'urina e il liquido seminale. In una situazione di non eccitazione, cioè quando il pene è flaccido, i corpi cavernosi ricevono sangue dalle arterie e lo espellono mediante le vene.

Nel momento in cui siamo eccitati le arterie si dilatano per permettere al sangue di convogliare in grandi quantità ed essere assorbito dai corpi cavernosi, e grazie ad un meccanismo veno-occlusivo il sangue viene trattenuto. Perché si ottenga un'erezione valida e duratura, è fondamentale che le vie di scarico del sangue, cioè le vene, si chiudano per impedire che il sangue fuoriesca.

Sintetizzando, i momenti peculiari dell'erezione del pene dell'uomo sono tre: eccitazione sessuale, dilatazione arteriosa, compressione e chiusura delle vene con blocco del deflusso di sangue dai corpi cavernosi del pene.

Quando questo meccanismo non funziona l'erezione è difficile o assente, e determina quella che viene chiamata disfunzione erettile. Infatti, se le arterie che portano sangue ai corpi cavernosi non riescono ad aprirsi e a far passare sangue o le vene non si occludono sarà difficile avere un'erezione.

Gentile visitatore visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o, chiedere un supporto, può chiamare al 3470716419 o cliccare contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino e a Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo