Dott. Antonio di Palma

Home » Test Psicologici » Matrici Progressive di Raven
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Matrici Progressive di Raven

Le Matrici Progressive di Raven o semplicemente Matrici di Raven, prendono il nome dal loro ideatore e sono tra i test più utilizzati per la misurazione dell'intelligenza non verbale. Infatti, come affermato nel manuale, il test delle matrici di Raven, è il più idoneo a misurare il fattore g, cioè l'intelligenza fluida o analitica svincolata dalla cultura.

Il fattore g dell'intelligenza è il fattore generale che costituisce la capacità implicita nella manifestazione di tutte le altre abilità, che invece rappresentano l'intelligenza cristallizzata. Queste manifestazioni sono legate a specifici apprendimenti culturali e sono concrete e osservabili sul piano comportamentale. Si tratta in altri termini della distinzione tra capacità potenziali e abilità attuali. Anche se, studi successivi hanno verificato l'influenza di tali fattori sul risultato delle matrici, ma è certo che il tipo di abilità richiesto nella risoluzione dei problemi presentati fa ricorso ad aspetti non verbali in misura maggiore rispetto agli altri test di intelligenza quale ad esempio la WAIS.

Vi sono tre differenti tipi di matrici, per diversi tipi di soggetti, abbiamo le Matrici Progressive Standard di Raven, che costituiscono il primo e il più utilizzato dei tre strumenti noti come matrici progressivi di Raven. Gli altri due sono le Matrici Progressive Colorate e le Matrici Progressive Avanzate.

Gentile visitatore visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto può chiamare al 3470716419 o cliccare su contatti, ricevo a Roma e Ciampino.

Dove Siamo