Dott. Antonio di Palma

Home » Ansia » Disturbo Ossessivo Compulsivo » Ossessione di essere omosessuale e trattamento
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Ossessione di essere omosessuale e trattamento

"Se ho guardato quel ragazzo significa che forse sono omosessuale"?

Il trattamento della paura ossessiva di essere omosessuale solitamente non mira a dimostrare o convincere il soggetto che non è omosessuale, sarebbe assolutamente inutile, ma di interrompere il circolo vizioso che alimenta la sua ossessione.

L'insorgenza del pensiero indesiderato li porta a mettere in discussione il proprio orientamento sessuale e rianalizzare ripetutamente le esperienze precedenti, alla luce della possibilità di poter essere gay o lesbica. Più si analizzano i pensieri e il corpo per cercare di "capire la verità", più è probabile che i sintomi ossessivi vengano alimentati e rafforzati.

L'ansia, la paura, portano la persona a chiedersi continuamente se è gay oppure no: la persona, per esempio, potrebbe interrogarsi se trova attraente o no un'altra persona dello stesso sesso, chiedersi se le coppie omosessuali lo disgustano, fare delle prove guardando materiale pornografico omosessuale per assicurarsi che prova disgusto, masturbarsi in modo compulsivo con materiale pornografico eterosessuale per confermare la sua eterosessualità.

In alcuni casi, si possono anche avere dei rapporti omosessuali per mettersi alla prova e cercare di spazzare via i propri dubbi e così può accadere che mettendosi alla prova, si possa sperimentare paura e agitazione che vengono scambiate per eccitazione e quindi questo fenomeno rinforza il dubbio di essere omosessuale.

Quando sono nelle vicinanze di persone dello stesso sesso, "controllano" il proprio corpo in cerca di segni di eccitamento sessuale o, temono che il contatto con uomini gay, lesbiche, bisessuali o persone effemminate o androgine sia "contagioso" e possa in qualche modo "attivare" la loro omosessualità latente.

Altre persone ancora si preoccupano che le altre persone possano pensare che loro siano gay, e cercano con tutta la propria volontà di comportarsi "da etero".

Molti uomini ossessionati dalla paura di essere omosessuali possono avere una relazione eterosessuale in corso, oppure avere avuto storie di soddisfacenti relazioni eterosessuali.

Una persona che ha l'ossessione di essere omosessuale è molto diversa da una che è realmente gay, perché in questo secondo caso mancano proprio le ossessioni e le preoccupazioni. Inoltre gli omosessuali non provano paura per i propri pensieri, che invece possono suscitare attrazione e interesse.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo