Dott. Antonio di Palma

Home » Articoli di psicologia » Anassertività
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Anassertività

L'anassertività è l'antitesi dell'assertività, ed è caratterizzata da un insieme di inadeguati comportamenti sociali.

Distinguiamo due generi di comportamenti sociali inadeguati: l'anassertivo passivo e l'anassertivo aggressivo.

L'anassertivo passivo solitamente ha un'incapacità più o meno pronunciata di esprimere i propri sentimenti, e in modo particolare i sentimenti negativi e i dissensi, come fare critiche, dire di no e così via.

E' esperienza comune che l'incapacità di esprimere punti diversi da quelli dei nostri interlocutori può facilmente portarci ad uno stato di insoddisfazione nei confronti di noi stessi, ad una vera e propria insofferenza destinata a crescere col tempo e con il ripetersi di situazioni uguali.

La psicoterapia si pone come obiettivo di ricostruire una migliore percezione e una più chiara capacità espressiva dei propri bisogni, desideri, pensieri e stati emotivi. Ciò accresce l'autostima, rende più energici e motivati, fa sentire protagonisti, compresi e apprezzati.

Il comportamento aggressivo è tipico della persona che tende ad affermare se stesso con arroganza e prepotenza, senza tenere in seria considerazione le opinioni e le esigenze altrui; ritiene di essere sempre nel giusto, attribuisce agli altri la responsabilità dei propri errori, svaluta l'altro, è rigido.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo a Ciampino e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo