Dott. Antonio di Palma

Home » Ipnosi » Storia dell'ipnosi
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Storia dell'ipnosi

La storia dell'ipnosi è una storia vecchia, molto vecchia, perché l'ipnosi c'è sempre stata, è cambiata, ma non è mai scomparsa, ha avuto momenti di gloria e di oscurità, infatti, ci sono stati periodi in cui sembrava scomparire, ma nei fatti non è mai scomparsa, anzi quasi tutte le psicoterapie, per non dire tutte, hanno avuto origine dall'ipnosi.

L'ipnosi può essere considerata come la madre di tutte le forme di psicoterapia. Infatti, anche se con forme e nomi diversi, era nota anche alle più antiche civiltà, che la impiegavano non solo a scopo terapeutico, ma anche divinatorio.

I fenomeni dell'ipnosi erano letti come dono o potenza del divino e usate in vari contesti: nella veggenza, nello sciamanesimo e dal medico sacerdote. L'impiego terapeutico dell'ipnosi nelle antiche civiltà del mediterraneo, egizi, greci e romani, veniva definito "sonno magico".

Negli ultimi anni l'interesse per questo fenomeno naturale è cresciuto considerevolmente, soprattutto per la risonanza suscitata dalle intuizioni di Milton Erickson e dalle più recenti acquisizioni neurofisiologiche, che ci forniscono una base scientifica per spiegare i cambiamenti che si verificano grazie alla suggestione ipnotica.

In altri termini, potremmo dire, che l'ipnosi nasce con l'uomo, anche se la nascita della moderna ipnosi e in generale della psicoterapia la si fa risalire all'opera di Anton Mesmer, medico viennese che visse tra il 1734 e il 1815, ma possediamo sufficienti testimonianze che confermano che ogni civiltà abbia sviluppato forme di terapia che con certezza potremmo definire ipnotiche.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino, via Fratelli Wright, e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo