Dott. Antonio di Palma

Home » Ansia » La risposta di Attacco e Fuga
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

La risposta di Attacco e Fuga

Il meccanismo di "Attacco e Fuga" è molto evidente nei disturbi d'ansia e nelle fobie.

Ma che cosa è la risposta di "Lotta e Fuga" e perché si attiva? La risposta di "Lotta e Fuga" è una reazione arcaica e innata che si attiva ogni qual volta ci troviamo in una situazione pericolosa o percepita tale, dove c'è bisogno di essere preparati ad un intervento immediato.

La risposta di "Lotta e Fuga", quindi, si attiva tutte le volte che il nostro cervello percepisce un pericolo, dando inizio ad una serie di cambiamenti per far fronte agli sforzi necessari a combattere o scappare: nel primo caso il nostro corpo ci aiuta a non sentire il dolore e a lottare in maniera più efficace; nel secondo caso ci aiuta ad allontanarci più velocemente dal pericolo.

Tutte queste modificazioni avvengono grazie all'attivazione del Sistema Nervoso Autonomo, pertanto, sono involontari.

Quindi, quando siamo in presenza di una situazione di pericolo che richiede una risposta da parte nostra, il corpo risponde aumentando tutta una serie di parametri fisiologici:

  • Aumenta la pressione del sangue;
  • Aumenta la sudorazione;
  • Aumenta la frequenza cardiaca;
  • Aumenta la frequenza respiratoria;
  • Aumenta l'afflusso di sangue ai muscoli;
  • Aumenta il metabolismo.

Tali risposte, attenzione, non esercitano effetti negativi sulla nostra salute se restano di breve durata, ma se persistono possono nuocere gravemente alla salute di una persona (leggi anche "Sindrome Generale di Adattamento").

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino, via Fratelli Wright, e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo