Dott. Antonio di Palma

  • facebook
Home » Infanzia e adolescenza » Bullismo » Il Bullismo omofobico
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Il Bullismo omofobico

Il bullismo omofobico è una particolare forma di bullismo che prende di mira soggetti ritenuti omosessuali (gay e lesbiche) o, considerati diversi per qualche aspetto dell'identità sessuale.

La vittima del bullismo omofobico, viene perseguitata, denigrata, isolata, insultata e aggredita sia verbalmente che fisicamente.

Il bullismo di natura omofobico (Lingiardi, 2007) non attacca solo il soggetto in quanto tale, ma si rivolge anche a una dimensione privata e personale come la propria sessualità e identità di genere.

La scuola rappresenta uno dei contesti in cui il bullismo omofobico si può manifestare con più facilità vista l'età e il contesto di gruppo in cui si trovano ragazzi e ragazze.

Le conseguenze del bullismo omofobico: quando le aggressioni assumono la forma di bullismo (prolungato nel tempo) i danni psicologici possono essere molto seri e duraturi. Infatti, l'esposizione ripetuta ad atti di bullismo, possono generare sentimenti di angoscia estrema, impotenza, isolamento sociale e portare a gesti estremi come il suicidio e tentato suicidio.

Gli episodi di bullismo possono essere vissuti mentalmente anche in altri contesti, oppure vi possono essere incubi ricorrenti, la vittima, inoltre, può presentare improvvisi e ingiustificati scoppi di collera.

Inoltre, nelle vittime è stata osservata una diminuzione del rendimento scolastico, (difficoltà di attenzione e concentrazione) e una diffusa disaffezione verso il sistema scolastico responsabile della mancata protezione, che possono determinare il cambio dell'istituto, l'abbandono della scuola o la bocciatura.

Altro aspetto da non trascurare è il fenomeno dell'omofobia interiorizzata, che porta le vittime a sviluppare sensi di colpa e vergogna per gli episodi di bullismo, perché possono attribuire a se stessi quello che ripetutamente subiscono.

Come possiamo intervenire? Interventi informativi ed educativi nelle scuole sul tema del rispetto della diversità sessuale, per ridurre il pregiudizio di natura omofobica.

L'omofobia non è un fenomeno che appartiene ai soli ragazzi e ragazze ma il personale scolastico, se non adeguatamente formato, può contribuire a favorirlo.

Diminuire i pregiudizi riduce anche la probabilità di commettere atti di bullismo omofobico.

Per concludere, risulta molto importante, in questi casi, dare un sostegno psicologico alle vittime.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino, via Fratelli Wright, e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo