Dott. Antonio di Palma

Home » Omosessualità » Disfunzioni sessuali e omosessualità
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Disfunzioni sessuali e omosessualità

Quali sono le disfunzioni sessuali più frequenti negli uomini omosessuali e come affrontale? Questi sono i due temi che affronterò brevemente i questo piccolo articolo.

Dico subito che poco si è parlato e si parla delle disfunzioni sessuali degli uomini omosessuali. Ciò nonostante, in questi ultimi anni, ho visto aumentare le richieste di aiuto da parte di uomini gay, che mi chiedono la comprensione e risoluzione delle loro problematiche sessuali.

La cosa importante, da un punto di vista prettamente clinico, è che le problematiche sessuali riportate dalla popolazione gay non sono dissimili da quelle che interessano le persone eterosessuali. Quindi anche gli interventi terapeutici si svolgono allo stesso modo.

Le prime sedute hanno lo scopo di raccogliere le informazioni, che mi consentiranno di avere una rappresentazione più accurata del problema sessuale presentato e di mettere in piedi una strategia per risolverlo.

Come si manifesta il problema? Quale fase del ciclo di risposta sessuale è coinvolta (desiderio, eccitazione, plateau, orgasmo e risoluzione).

Come è stato l'ultimo rapporto sessuale? La descrizione accurata mi aiuta a capire se il problema impedisce del tutto o solo in parte la soddisfazione sessuale.

Da quanto tempo è presente il problema, (da sempre o solo da qualche tempo)? Si definiscono primari i sintomi che sono presenti da sempre nella vita della persona e secondari, quelli che invece sono comparsi in un certo periodo.

Il sintomo si manifesta con ogni partner (sintomo generalizzato) o solo con alcuni o solo in certe situazioni (sintomo situazionale)

Quali sono le reazioni emotive al problema?

È possibile la comunicazione tra la coppia su questo argomento?

Qual è l'immaginario erotico personale e della coppia?

Da chi viene formulata la richiesta d'aiuto e perché proprio in questo momento specifico?

Che cosa pensa il partner del problema? E come si comporta quando si manifesta?

La persona che lamenta il sintomo fa uso di sostanze, oppure usa farmaci che possono interferire con la risposta sessuale?

Esistono altre malattie fisiche e/o psichiatriche? Infatti, alcune patologie possono interferire con l'attività sessuale, per esempio la depressione, i disturbi d'ansia, il disturbo post-traumatico da stress.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino, via Fratelli Wright, e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo