Dott. Antonio di Palma

Home » Psicoterapia » La Sindrome del fuoco amico
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

La Sindrome del fuoco amico

Che cosa intendo con la "Sindrome del fuoco amico"? Ci sono numerose problematiche, come i disturbi della sessualità, i disturbi del sonno, i disturbi dell'alimentazione, i disturbi d'ansia, gli attacchi di panico, l'ipocondria, le ossessioni, le compulsioni, le dipendenze e potrei continuare ancora a lungo, che procurano sicuramente disagi e sofferenze alle persone che ne sono vittime.

Pensiamo anche a tutte le volte che assumiamo un farmaco per guarire una determinata malattia, ma la cura diventa peggio della stessa malattia (malattie iatrogene). Per questo parlo di "Sindrome del Fuoco Amico": ciò che dovrebbe proteggere diventa il vero problema.

Naturalmente, un uomo che ha una disfunzione sessuale come la perdita di erezione o una donna che non riesce ad avere un orgasmo (anorgasmia), un individuo che cerca di non bere più o una donna che vorrebbe non essere più succube dal comprare compulsivo o semplicemente pensiamo a tutte le persone che soffrono di ansia e di attacchi di panico, mettono in atto una serie di comportamenti, strategie per tornare a essere persone senza il problema, ma sono quasi sempre i comportamenti, le strategie che mettono in campo per eliminare i loro sintomi, che alimentano la problematica.

Il nemico da sconfiggere non è il problema ma, la soluzione per risolverlo. Per esempio: immaginiamo di trovarci in una caldissima giornata d'estate, ho una grande sete, apro il frigo, compare davanti a me una bella e fresca Coca Cola, decido di berne subito un bel bicchiere, sono appagato, ma dopo qualche minuto ho di nuovo una grande sete, riapro il frigo e riempio un altro bicchiere, sono ancora una volta soddisfatto, ma quello che non so è che più bevo Coca Cola più mi viene sete.

Quello che penso che mi disseti, mi fa venire ancora più sete, e allora che faccio? Forse sarebbe meglio cambiare bevanda, rivolgendo l'attenzione a un bel bicchiere d'acqua. Ecco più o meno quello che facciamo, quando cerchiamo di risolvere un problema.

Il trattamento terapeutico consiste quindi nell'interrompere il meccanismo perverso che mantiene il sintomo, questo è il metodo che utilizzo per risolvere i tanti problemi delle persone che mi contattano.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino, via Fratelli Wright, e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo