Psicologo psicoterapeutaAntonio di Palma

  • facebook
Home » Articoli di psicologia » La verogna
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

La verogna

Come si supera la vergogna o come si può gestirla meglio? La vergogna è un'emozione molto dolorosa, che tutti almeno una volta abbiamo sperimentato.

Provare vergogna è fra le esperienze più spiacevoli che si possa fare, perché chi la subisce vive una condizione di acuta e intensa sofferenza legata alla perdita del proprio onore, della propria dignità davanti agli altri e quindi della propria autostima.

La vergogna subentra nel momento in cui ci rendiamo conto di essere percepiti dagli altri, quasi sempre considerati superiori, in modo profondamente diverso da come avremmo desiderato.

Ognuno di noi vuole cercare di dare agli altri un immagine di sé positiva, desidera essere considerato dagli altri come una persona utile, attraente, stimato, cercando di non diventare oggetto di derisione o di vilipendio.

L'immagine personale è molto importante, quando questa immagine si frantuma improvvisamente per un comportamento giudicato pubblicamente riprovevole e negativo, non si può che provare vergogna, vorremmo scomparire da tutto e da tutti.

Ma qual è lo scopo, la funzione della vergogna? Come sottolineato, la vergogna pur essendo un'emozione negativa svolge precise e importanti funzioni psicologiche come quella di proteggere l'immagine del sé che si vorrebbe mostrare agli altri e, di conseguenza, essa emerge quando si crea un conflitto tra l'immagine di se ideale e quella reale.

L'immagine morale e sociale che acquistiamo davanti agli altri è molto importante per l'essere umano, perché siamo estremamente sociali e fortemente dipendenti dagli altri per quanto riguarda la nostra affermazione e il nostro riconoscimento.

Perché si sviluppa la vergogna? Il tipo di attaccamento, le esperienze infantili all'interno dei contesti familiari o scolastici, le esperienze traumatiche o gli episodi di umiliazione e derisione possono contribuire allo sviluppo della vergogna.

Tali esperienze possono determinare un sé percepito come inadeguato, difettoso e imperfetto e quindi tutte le informazioni che provengono dall'ambiente esterno vengono in qualche modo filtrate per concentrarsi maggiormente su quelle che confermano l'opinione che abbiamo di noi.

Provare vergogna di per se non è patologico, ma quando diventa un'emozione ricorrente e intensa può avere un impatto significativo sul benessere della persona, contribuendo all'esordio e allo sviluppo di diverse problematiche psicologiche; allora in questi casi, è bene e anche saggio chiedere l'aiuto di un esperto psicoterapeuta, per diminuire i livelli di vergogna.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino, via Fratelli Wright, e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo

Roma
Ciampino