La rabbia

Giu 2, 2023

Tutti noi almeno una volta abbiamo provato rabbia. In questo breve articolo cercherò di rispondere essenzialmente a due domande: che cos’è la rabbia e a cosa serve. Inizio col dire che la rabbia è una emozione primaria, proprio come la paura e il dolore. Quindi non necessariamente ha una connotazione negativa. Questa emozione, infatti, ha per l’uomo una funzione adattativa, in quanto è utile per la sua sopravvivenza e per la gestione della realtà.

La rabbia si attiva tutte le volte che si percepisce la presenza di uno impedimento tra ciò che cerchiamo o desideriamo e la possibilità di raggiungerlo. È la risposta emozionale per agire nei confronti di circostanze per noi sfavorevoli.

Tante possono essere le situazioni che suscitano rabbia: quando siamo vittime di un’ingiustizia, di maltrattamento, di umiliazione, quando proviamo un dolore intollerabile, quando subiamo un licenziamento o siamo stati abbandonati. La rabbia può aiutare ad andare oltre, verso il meglio per noi e per gli altri.

La rabbia, in alcuni casi, può diventare impetuosa da non poter essere eliminata in tempi brevi e trasformarsi in un pensiero ossessivo continuo.

In queste circostanze siamo assaliti da pensieri ricorrenti che hanno un impatto negativo non solo dal punto di vista mentale, ma anche fisico predisponendoci a una serie di malattie, tra cui quelle cardiovascolari.

Aristotele affermava: “Chiunque può arrabbiarsi: questo è facile. Ma arrabbiarsi con la persona giusta e nel grado giusto e al momento giusto e per lo scopo giusto, questo non è nelle possibilità di chiunque e non è facile”.

Non è raro che alla rabbia possa seguire il piacere della vendetta. In realtà la vendetta non porta ad alcun sollievo, anzi accresce i sentimenti negativi, e favorisce alla lunga disturbi ansiosi e depressivi.

Quando coltiviamo la vendetta rimaniamo indissolubilmente legati a chi ci ha recato il danno. Diventiamo schiavi di emozioni dannose, logoranti e invasive. Scoperta non certo nuova, visto che già Confucio affermava: “Prima di imbarcarti per un viaggio di vendetta, scava due tombe”.

Quindi, quando la rabbia supera una determinata soglia non ci è più utile. In questi casi è fondamentale mettere in atto una serie di comportamenti più funzionali, per farla defluire ed evitare che diventi una folle comandante dei nostri comportamenti.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti. Ricevo a Ciampino, via Alessandro GuidoniRoma, zona Castro Pretorio.

Dove Siamo

Ciampino

Roma