Ansia e autoprotezione

Di meglio in peggio

L’autoprotezione non ci aiuta a vincere l’ansia, ma l’alimenta, questa è la vera verità.

Più ci auto-proteggiamo dall’ansia più l’alimentiamo e, più l’alimentiamo più ci proteggiamo da essa e così via; più cerchi di evitarla e difenderti più aumenta e, più aumenta più sei spaventato.

Uno degli aspetti paradossali dell’ansia è che la persona sembra produrre senza saperlo proprio quelle situazioni che maggiormente teme o detesta. Infatti, la paura di un evento spiacevole sembra far aumentare la probabilità che esso avvenga effettivamente.

L’ansioso deve prendere consapevolezza che evitare determinate situazioni e, il comportamento eccessivamente iperprotettivo di coloro che gli stanno vicino, non sono affatto comportamenti idonei per fargli superare l’ansia.

Nei disturbi d’ansia, l’evitare le situazioni ha come effetto rafforzare i pensieri spaventosi e irrealistici e peggiorare la sintomatologia. Se da una parte l’evitamento delle situazioni considerate a rischio ci fa sentire sicuri, dall’altra conferma l’incapacità di affrontare e superare quelle difficoltà.

Nei disturbi d’ansia fuggire aumenta la paura, affrontarla la diminuisce.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può, chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti. Ricevo su appuntamento a Ciampino, via Alessandro Guidoni, e Roma, zona Castro Pretorio.

Dove Siamo

Ciampino

Roma