Dott. Antonio di Palma

Home » Sessualità » La sessualità maschile » I ginandromorfofili
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

I ginandromorfofili

Gli uomini attratti dalle donne transgeniche.

Sempre più ginandromorfofili in questi ultimi tempi mi contattano perché spaventati dal pensiero di essere omosessuali.

Prima che io argomenti sui ginandromorfofili è bene che riporti quello che affermava Alfred Kinsey a proposito del comportamento sessuale dell'uomo: "Il mondo non è diviso in pecore e capre.

Non tutte le cose sono bianche o nere. È fondamentale nella tassonomia che la natura raramente ha a che fare con categorie discrete. Soltanto la mente umana inventa categorie e cerca di forzare i fatti in gabbie distinte.

Il mondo vivente è un continuum in ogni suo aspetto. Prima apprenderemo questo a proposito del comportamento sessuale umano, prima arriveremo ad una profonda comprensione delle realtà del sesso". (Kinsey, Il comportamento sessuale dell'uomo, 1948)

Ma chi sono i ginandromorfofili o ginemimetofili? Sono gli uomini attratti sessualmente dai trans o donne transgender.

L'altra domanda a cui cercherò di rispondere riguarda la motivazione che spinge tantissimi uomini ad avere rapporti sessuali con i trans.

Ma i ginandromorfofili sono omosessuali, eterosessuali, bisessuali?

Diciamo subito che la scelta sessuale di questi uomini ha stimolato e stimola grandissimo interesse, visto anche le numerose ipotesi che cercano di spiegare le motivazioni che portano questi a frequentare i trans, tra cui gli ultimi studi, che come vedremo più avanti tolgono qualsiasi dubbio sull'orientamento sessuale di questi uomini.

Diciamo che in molti sono ancora convinti che si possa trattare di omosessuali latenti o repressi, che rifiutano l'idea di essere attratti da altri uomini, quindi, preferiscono la figura del trans, essendo metà uomo metà donna, per rende più accettabile il loro comportamento, in questo modo si sentono più in pace con se stessi, sentendo meno sensi di colpa.

Altri sono dell'idea che le donne transgender, a causa delle operazioni chirurgiche e gli ormoni a cui si sottopongono per accentuare i caratteri femminili, giungano ad avere caratteristiche iperfemminili (labbra particolarmente pronunciate, seno rifatto), o comunque appaiono più eccitanti delle donne "non transessuali".

Altri ancora sostengono, che gli uomini possano avere meno timori e meno ansia da prestazione intrattenendo rapporti sessuali con donne transgender. Ma ci si potrebbe dilungare infinitamente; per sintetizzare si può affermare che le motivazioni variano da individuo a individuo.

Nella mia esperienza clinica ventennale, mi sono ormai convinto sempre di più, cosa che le più recenti ricerche confermano, che la maggior parte degli uomini che frequentano le donne transgeniche sono eterosessuali.

Inoltre, ho costatato che molto frequentemente dietro questo comportamento vi sia una disfunzione sessuale, il più delle volte dovuta ad ansia da prestazione, che causa perdita di erezione, mancanza di erezione, poco desiderio. Tutto questo fa sì che questi uomini rivolgano la loro attenzione alle donne transgeniche perché con la loro maggiore esaltazione della femminilità , visto che i trans sono molto femminili", possono stimolare in loro un maggiore desiderio e una maggiore eccitabilità.

Gentile visitatore/visitatrice, se desidera avere maggiori informazioni o chiedere un supporto, può chiamare al 347.0716419, o cliccare su contatti, ricevo su appuntamento a Ciampino, via Fratelli Wright, e Roma, zona Castro Pretorio.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Dove Siamo